Ricerche


Gli impianti oculari: ultima frontiera per l'uomo riprogrammato!

Autore: Corrado Malanga
Tipo: Ricerche
Data: Marzo 2004
Visite: 1197

In questa fotografia è mostrato un oggetto di materiale ceramico che il dottor Derrel Sims, diversi anni fa, trovò nell'occhio destro di uno dei suoi pazienti. Sia Sims che Leir, due ricercatori americani che hanno dato forte impulso alla ricerca sull'impiantistica aliena, espongono parte delle loro idee, suffragate anche da foto e testimonianze di presunti addotti.

Va premesso che il mondo dell'impiantistica aliena è veramente molto complicato e si deve constatare come, in questi ultimi anni, si sia veramente capito ben poco. Al di là di alcune foto e testimonianze, per quanto importanti, mancano, a tutt'oggi, alcune conferme sperimentali sulla composizione chimica di questi microimpianti e dettagli sulla loro costituzione interna.

Per quanto riguarda il primo punto, quando conobbi Sims, parecchi anni fa, a S. Marino, insistei sull'importanza di una particolare analisi chimica che si sarebbe assolutamente dovuta fare su tali oggetti. Evidentemente fui abbastanza convincente: Sims tornò negli Stati Uniti e fece compiere questa analisi da almeno cinque istituti universitari locali.

Si trattava di rilevare la percentuale isotopica dei diversi componenti dei microimpianti, per verificarne la compatibilità con i materiali terrestri. Si sa, infatti, che la percentuale isotopica (gli isotopi sono atomi che hanno il medesimo numero atomico e si distinguono per il numero dei neutroni presenti nel loro nucleo) non è uguale in tutte le parti del cosmo e, se qualcosa viene “da fuori” (per esempio un meteorite - nda), presenta percentuali isotopiche dei suoi elementi diverse da quelle presentate dagli stessi elementi sulla Terra.

L'analisi si compie con uno strumento che si chiama Spettrometro di Massa a Struttura Fine, che è in grado di “pesare” i singoli pezzi di una molecola o di un composto complesso e di verificare il numero esatto di neutroni nel nucleo di ciascun elemento che compone il “manufatto” da esaminare. Sims ha ottenuto i fondi necessari da alcuni “privati cittadini molto facoltosi ed interessati al problema” ed è riuscito, in alcuni casi, a farsi fare queste analisi...

[ continua... ]



Cosa pensi del fenomeno abduction?

  • E' impossibile
  • Non esiste
  • Non ci credo
  • Mi sembra improbabile
  • E' possibile
  • Ci sono le prove
  • E' tutto vero
  • Ci ho avuto a che fare

Pagina Facebook

Gruppo Facebook

ufomachinerevolutions.org - ufomachinerevolutions@ipself.it - All right reserved - Sito senza scopo di lucro - Contatta la redazione - Privacy & Cookies Policy

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.