Articoli


Ma siamo proprio sicuri che Dio non giochi a dadi?

Autore: Corrado Malanga

Albert Einstein lo diceva spesso: “Dio non gioca a dadi”.
In epoche più recenti Dio è stato paragonato agli extraterrestri e molte religioni tra cui Scientology, Dianetics, Clonaid, Damanhur con i loro sacerdoti sommi come Vorillon, Hubbard, Ramtha, Oberto Airaudi sembrano sostenerlo. Bhè se gli alieni sono Dei allora ecco spiegato perché esistono gli ufo cubici a forma di dado. Negli ultimi anni siamo stati abituati a vedere volare di tutto di più. Aerei militari dalle forme segrete e più strane, inverosimili palloni sonda il cui principale scopo nel tempo era quello di confondersi con le figure di ufo tanto care alla scienza ufficiale di Margherita Hack, fulmini globulari dalle forme più inconsuete, munite a volte di antenne, ma vallo a sapere te perché i fulmini globulari debbano avere delle antenne, tanto cari al Cicap (Centro Italiano di Controllo sulle Affermazioni sul Paranormale) di Piero Angela ed al Cisu (Centro Italiano Studi Ufologici) di ormai non meglio identificabili ex soci del Cun (Centro Ufologico Nazionale).
Certo sono passati i bei tempi in cui volavano solo le stelle comete tanto care agli Ebrei ed è lontano il tempo in cui cadevano pietre dal cielo che poi i Musulmani avrebbero adorato come sacra reliquia, anch’essa protetta da una struttura cubica. Oggi nell’aria vola di tutto. Polli fritti, aerei segreti a forma di pisello, dischi volanti che secondo Jung ricordano la figura del membro maschile o a volte anche femminile. Insomma tutto e nulla oggi è Ufo! L’incredibile è costituito dal fatto che qualsiasi cosa si veda volare in cielo, c’è sempre un esperto che ti vuol dire di cosa si tratta. Esiste dunque la necessità di identificare qualsiasi cosa voli, per evitare che la gente comune possa prendere cantonate...

Ufomachinerevolutions.org - info@ufomachinerevolutions.org - All right reserved - Sito senza scopo di lucro - Contatta la redazione - Privacy & Cookies Policy

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia .